Logo LGBTI Intestazione mobile

Sei vittima o testimone di una discriminazione e hai bisogno di aiuto?

Chi Siamo

Cosa Facciamo

Servizi

News

Partners

Contatti

Arriva “Queer Family” il podcast realizzato dal Centro Antidiscriminazioni LGBTI+ di Ravenna

23 Ottobre 2023

Tre puntate su coming out, percorsi di transizione di genere e poliamore.

Un omaggio a Michela Murgia che meglio di chiunque altro ha portato avanti la battaglia per il riconoscimento delle famiglie queer attraverso il racconto della sua vita e delle sue relazioni.

Un omaggio a Michela Murgia preziosa alleata delle persone queer, attivista per i diritti LGBTQIA+*, intellettuale e scrittrice che meglio di chiunque altro ha portato avanti la battaglia per il riconoscimento delle famiglie queer attraverso il racconto della sua vita e delle sue relazioni. 

È “Queer family” il podcast realizzato dal Centro Antidiscriminazioni LGBTI+ di Ravenna in collaborazione con Arcigay Ravenna e con il sostegno di UNAR – Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali a difesa delle differenze, da oggi scaricabile sul sito: www.antidiscriminazione.lgbt 

Le tre puntate del podcast dopo aver spiegato cosa è una famiglia queer e cioè una forma di organizzazione dei rapporti tra persone “non tradizionale” non basata sui legami di sangue o coniugali ma piuttosto su un patto di responsabilità e di cura reciproca, affronta alcune delle situazioni in cui la famiglia queer come tutte le altre famiglie potrebbero trovarsi. 

La prima puntata è dedicata al coming out, l’atto con cui una persona LGBTQIA*+ decide di dichiarare il proprio orientamento sessuale o la propria identità di genere, da non confondere con l’outing che invece è una forma di violenza. In questa puntata, si parla anche del primo coming out della Storia avvenuto nell’800, quello di Karl Heinrich Ulrichs giurista, ex funzionario del regno di Hannover, che prese la parola al congresso dell’Associazione dei giuristi tedeschi per denunciare pubblicamente le leggi «anti-sodomia» grazie all’approfondimento di Claudio Tosi, responsabile Storia Cultura e Memoria di Arcigay. Cuore del podcast sono le testimonianze di persone che raccontano i loro coming out felici ma anche dolorosi. La seconda puntata di Queer family è dedicata al mondo trans*. Ci si chiede cosa provano e come vivono le persone che hanno deciso di intraprendere un percorso di affermazione/autodeterminazione di genere.  Anche in questo caso non manca un approfondimento di storia del Movimento LGBTQIA+* dai Moti di Stonewall ad oggi, di cui furono protagoniste donne trans straordinarie come Sylvia Rivera, Marsha P. Johnson e la nostra Marcela di Folco. Anche in questa puntata grande spazio alle testimonianze di persone trans* e non binarie che raccontano i loro percorsi accendendo i riflettori sui limiti della legge 164 del 1982 che attualmente regola la transizione di genere. La terza e ultima puntata è un approfondimento sulle non monogamie etiche, e in particolare sul poliamore. Anche in questo caso saranno i racconti di vita vera a farci superare stereotipi e pregiudizi su questo tema complesso e poco dibattuto. Tutti i podcast sono arricchiti da una parte di approfondimento sull’attualità e sullo stato dei diritti negati alle persone LGBTQIA+*.

Tutti gli eventi sono realizzati con la collaborazione di Arcigay Ravenna e sono tra le azioni previste nel progetto Campagna di comunicazione, sensibilizzazione e informazione sui diritti delle persone LGBTIQ “Ti ricordi quando c’era la discriminazione?”, realizzato grazie al finanziamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento per le Pari Opportunità – UNAR (Avviso pubblico per la selezione ed il finanziamento di progetti finalizzati alla realizzazione di campagne di comunicazione volte a sensibilizzare e informare la cittadinanza sui diritti delle persone LGBTIQ, nell’ambito del PON inclusione FSE 2014 – 2020 – Asse 4 “Capacità amministrativa” – Obiettivo specifico 11.3 – Azione 11.3.3” J53B18000090007 – Convenzione del 14 aprile 2023.

Info: 05441796279

sportello@antidiscriminazione.lgbt

Ciro Di Maio